A San Valentino è tradizione regalare dei cioccolatini al proprio innamorato.

Quest’anno vi proponiamo di stravolgere le usanze e di non acquistare la classica scatola di cioccolatini, ma di cimentarvi nella preparazione di gustosi dolcetti a base di mandorle. I Gueffus  sono dei dolcetti tipici della pasticceria sardadalla forma cilindrica che ricorda pressappoco quella delle noci. Sono dolcetti molto gustosi semplici e generalmente vengono confezionati in carta velina colorata.

A San Valentino il colore dominante è il rosso, potete quindi, preparare i vostri gueffus e confezionarli con della carta velina rossa.

Tempo di preparazione: minimo 48 ore

Difficoltà: Difficile

Ingredienti:

1 limone rigorosamente bio

1 arancia rigorosamente bio

Succo di 1 limone

Succo di ½ arancia

500 gr di zucchero

500 gr di mandorle

Zucchero a velo q.b.

Preparazione:

 

Tritate le mandorle grossolanamente ed unitele allo zucchero. Spremete 1 limone e ½ arancia, conservate il succo e grattugiate le buccia che andrete ad unire al composto.

Incorporate il succo degli agrumi a filo, in modo da ottenere un composto piuttosto asciutto.

 

 

Immergete i palmi delle mani nello zucchero (eviterete che il composto attacchi alle mani) e formate tante piccole palline della grandezza di una noce. Aggiungete ancora del succo se l’impasto si sbriciola troppo.

Tuffate le palline nello zucchero e fatele rotolare in modo che vengano coperte completamente.

Quando tutte le palline saranno pronte, lasciatele asciugare su un vassoio per almeno 24 ore.

Nel frattempo, ritagliate la carta velina in tanti rettangoli, che userete per incartare i vostri gueffus.

Trascorse le 24 ore, riprendete le palline e tuffatele nello zucchero a velo.

Lasciatele asciugare ancora 24 ore o comunque fino a quando toccandole non le sentirete troppo umide, rischiando che nel confezionarle, restino appiccicate alla carta.

Infine, confezionate i vostri gueffus nella carta velina. Se necessario, passatele nuovamente nello zucchero a velo prima di incartarle.

La redazione di RicetteOk ringrazia Valentina per averci gentilmente concesso questa ricetta.