Dal mondo del jet set internazionale arriva l’ultima trovata in fatto di diete: Baby Food Diet, Dieta degli omogeneizzati. La praticano  Madonna, Jennifer Aniston, Lady Gaga e Reese Witherspoon.

La ricetta sarebbe semplice: teoricamente si dimagrirebbe mangiando piccole porzioni di carene, pesce frutta e verdura omogeneizzate e dilazionate nella giornata.  La somministrazione degli alimenti omogeneizzati avverrebbe per micro razioni di Baby Food che andrebbero consumate ad intervalli brevi. Al cibo omogeneizzato si potrebbe aggiungere un solo pasto normale nell’arco della giornata.

Il Baby Food Diet porta la firma di Tracy Anderson, trainer personale di numerosi personaggi famosi.

I principi a cui sarebbe ispirata la dieta potrebbero persino dirsi salutisti. Gli omogeneizzati risultano, infatti, essere un prodotto controllato, privo di sale, senza grassi nè zuccheri, capace di apportare energia non gravando l’organismo di calorie. Non si tiene conto però di un fatto: ciascun vasetto di omogeneizzati contiene 150kcal, dal punto di vista nutrizionale 80gr di omogeneizzato rappresentano il giusto apporto per un bambino, un adulto per rispondere alle sue esigenze fisiche necessiterebbe di 8 vasetti al giorno.

Mentre gli ideatori della dieta sostengono che essa riuscirebbe a far perdere 9 chili in 6 settimane ,  la British Dietetic Association (BDA), invita a considerare che gli omogeneizzati servono a crescere ed a nutrire i bambini, privi di denti ed incapaci di masticare, sono prodotti per la prima infanzia e non sono finalizzati a perdere peso, quindi per loro stessa natura non possono qualificarsi come dietetici. Già solo per questo è difficile pensare che tale dieta sia efficace.

In Gran Bretagna il successo della nuova si è presto trasformato in un “affare” per un imprenditore inglese che ha avuto la brillante idea di inventare l’omogeneizzato per adulti, null’altro che “una pappina saporita ”.