Il 17 Marzo l’Italia spegnerà 150 candeline, nel lontano 1861 in questo giorno  si proclamava l’Italia Unita.
Il nuovo Parlamento, quello del Regno d’Italia, appena nato dall’assemblamento dei regni regionali, si riuniva nella sede di Palazzo Carignano, a Torino (prima capitale italiana), lì sanciva la nascita della nostra patria.

L’Italia è cresciuta, si è affermata nel mondo anche grazie alle sue eccellenze culinarie. Nel giorno della festa nazionale le cucine italiane presenti nel mondo accenderanno i fornelli per partecipare alla celebrazione dei 150 anni dall’Unità.

Il 17 Marzo gli chef del bel paese, impegnati a portare la cucina italiana nel mondo, prepareranno nei loro ristoranti Menù speciali, i piatti che lasceranno le cucine saranno dedicati ad esaltare il meglio della enogastronomia dello stivale.

Anche il dolce è stato pensato per sottolineare la grandezza delle arti culinarie italiane e festeggiare la nostra bella patria, sarà una delizia originale e nuova dal nome evocativo:
“Dolce Italia”

“Dolce Italia” porta la firma di Fabbri, la torta si eleva su tre strati concentrici. Verde, bianco e rosso sono i colori delle dolci porzioni che si susseguono come nella nostra bandiera. Il Verde ha il sapore del miglior Pistacchio siciliano, il Bianco ha il gusto dolce della Mandorla di Bari, il Rosso esplode nell’incanto dell’Amarena Fabbri ed in cima una gustosa  “corona” tutta di Amarene!

L’iniziativa è promossa da Ciao Italia e prende il nome di: “Happy Birthday Italia”, coinvolgerà tutti i ristoranti italiani sparsi nel mondo. La nostra cucina è di eccellenza in America, in Cina, in Australia, nonché in tutta Europa; alla festa prenderanno parte circa tremila ristoratori che, portando in tavola il meglio della nostra cultura culinaria, ricorderanno al mondo le bellezze della nostra terra, le sue eccellenze e le arti che la caratterizzano.

Bartolo Incardini è il presidente di Ciao Italia, l’Associazione dei Ristoratori Italiani nel mondo, presentando e promuovendo l‘iniziativa dichiara:
“Sarà un gesto di amore dei Ristoranti Italiani all’estero verso la Patria e, nello stesso tempo, una presentazione ai propri clienti della importanza della cucina per la identità italiana”.