Quella delle pappardelle al ragù di cinghiale è una ricetta tipica Toscana.
La carne di cinghiale non è praticata con frequenza su tutte le tavole italiane, spesso si lega alla cultura territoriale. Ma è buonissima, e rappresenta un ottimo sapore alternativo.
Per realizzare queste pappardelle occorre tanta pazienza, come la buona cucina pretende. A volte dimentichiamo che calma e soprattutto molto amore sono gli ingredienti fondamentali di ogni piatto ,perché si sa,le cose fatte con cura riescono sempre meglio.

Ingredienti:
400 gr di polpa di cinghiale
600 gr di polpa di pomodoro
½ cipolla
1 carota
1 costa do sedano
500 ml di vino rosso
Alloro
Olio extravergine d’oliva
Sale
Pappardelle


Procedimento
:
Lavate il sedano e la carota,sbucciate la cipolla e metteteli in una ciotola con la carne e l’alloro.
Coprite tutto con il vino rosso e lasciate marinare per tutta la notte.

Togliete gli odori dalla marinatura,lavateli e tritateli finemente.
Tagliate la carne in pezzetti molto piccoli.
In un tegame,possibilmente di coccio,fate soffriggere gli odori tritati con l’olio extravergine d’oliva.
Aggiungete il cinghiale e parte del vino che avete usato per la marinatura e fate cuocere 10 minuti.
Aggiungete la polpa di pomodoro,aggiustate di sale,coprite con un coperchio e fate cuocere circa un’ora a fuoco moderato.

Lessate le pappardelle in acqua salata,scolatele e conditele con il ragù di cinghiale.
Servitele calde.