Risotto Milanese con ossobuco

Con questa ricetta portiamo nelle nostre cucine i sapori milanesi. È una pietanza tipica, radicata nelle tradizione della bella Milano. Arriva tra le delizie presentate da Ricetteok grazie ad una amica: Simona.
Dunque tutti ai fornelli per preparare il Risotto milanese con ossobuco di Simona

Ingredienti per 2 persone :

160 gr. di riso meglio se Carnaroli
1 cipolla
1 bustina di zafferano (i pistilli sarebbero meglio)
brodo di carne
un pò di sale
burro per mantecare alla fine e un pò per osso buchi
2 ossi buchi
farina
un pò di passata di pomodoro o una scatola di pelati, come si preferisce
1/2 bicchiere di vino bianco secco

Procedimento:
Tagliare i bordi degli ossibuchi per evitare che si alzino i bordi durante la cottura (fare 3 piccole incisioni con coltello o forbici), infarinarli e scrollarli un pò per far cadere la farina in eccesso.
In una pentola alta e possibilamente antiaderente, sciogliere un po di burro posare sopra la carne e girarla per farla cuocere da entrambe le parti.
Sfumare con un bicchiere di vino bianco (versarlo tutto) e lasciare evaporare.
Aggiungere un pò di passata (o i pelati), un po’ d’acqua (o di brodo vegetale se lo avete già pronto),portare la fiamma del gas molto bassa e far cuocere lentamente.
Con un cucchiaio di legno, girare spesso la carne durante la cottura. Aggiungere un pizzico di sale quando la carne sarà a metà cottura circa.
Se dovesse asciugarsi troppo, aggiungete alla carne un pò di brodo vegetale (magari già caldo per evitare di bloccare la cottura)
Le nonne facevano cuocere gli ossibuchi un paio d’ore per raggiungere la cottura perfetta ed addensare bene il brodino che si crea.

Risotto:
In una padella soffritto di olio e cipolla precedentemente tagliata (si puo’ usare anche il preparato surgelato che si trova nei supermercati di cipolla-sedano-carota a pezzettini!).
Buttare il riso e lasciarlo tostare un pochino.
Curiosità: le nonne non pesavano il riso ma si regolavano così: 3 pugni di riso per persona più uno per la padella!.
Aggiungere il brodo di carne che tenete su un altro fuoco caldo, poco per volta.
Controllare se il riso è sufficientemente salato (a causa del brodo) altrimenti salare.
A metà cottura aggiungere lo zafferano.
Qualcuno aggiunge un pò di grana grattuggiato quando la cottura stà per terminare, il risultato è un sapore più forte, evitate se preferite sapori più delicati
A fine cottura del riso, sciogliere una noce di burro girandola nel riso velocemente, poi lasciare riposare un paio di minuti.
Ricordatevi che il riso deve essere “all’onda!!!!”

Mettere il riso nel piatto, posare un ossobuco su ciascun piatto con un pochino del suo brodo.