A Lione, presso l’Eurexpo, ieri si sono aperte le porte del Sirha – il Salone internazionale della Ristorazione, della alimentazione e dell’industria alberghiera.

Il Sirha è alla sua quindicesima edizione, l’evento è sempre di successo perchè riesce rintracciare ed individuare i trend enogastronomici del futuro, le intenzioni culinarie e le preferenze del gusto. È luogo di riferimento per gli operatori del settore e rappresenta un appuntamento speciale per gli amanti del cibo e delle sue molte manifestazioni.

Cosa ci aspetta al Sirha sino al 26 di gennaio?

  • Più di 2.000 espositori.
  • Il Salone Nazionale della Panetteria, a dimostrazione che il Pane, alimento che interessa ogni settore della ristorazione, rintraccia gusti sempre più ricercati ed impegnativi;
  • La piazza dei Vini, ovvero uno spazio professionale dedicato ai colori del vino ed ai suoi sapori, una vetrina per la bevanda degli Dei, apprezzata nelle sue più varie applicazioni;
  • Il settore Confetteria Cioccolato;
  • Degustazioni;
  • Dimostrazioni;
  • Spazi dedicati alla sperimentazione ed alla ricerca, tavoli di confronto;
  • Concorsi e prove culinarie svolte dinnanzi al pubblico nello Spazio degli Chef, “una cucina grande 10.500mq” e 1.500 posti in tribuna per gli spettatori;
  • La finale del prestigioso Bocuse d’Or 2011si svolgerà a Lione il 25 e 26 gennaio prossimi.
  • La suggestione della cucina rimbalzerà sul grande schermo grazie alla proiezione dei lavori dei migliori chef – cuochi e pasticceri – che metteranno a disposizione dell’utenza tutte le loro competenze.

Anche l’Italia espone al Sirha:
oltre 60 società nostrane fanno bella mostra dei loro prodotti (Parma Alimentare, la Regione Campania, Latina e Regio Emilia, la Camera di Commercio di Bergamo, Perugia ed il Consorzio Romagna Alimentare).