Aragosta, come si cucina: ricetta aragosta alla catalana

Inutile dire che l’aragosta per la bontà delle sue carni, è considerata in cucina “la regina” dei crostacei.

E’ una specie protetta ma che “purtroppo” garantisce la sua freschezza se acquistata rigorosamente VIVA e a noi cuoche va il duro compito di accettare che questa è la migliore garanzia di bontà.

Di ricette dell’aragosta alla catalana ne esistono tante versioni ma personalmente ho trovato divina una ricetta che ho potuto gustare in un locale toscano. Di semplice esecuzione così come sono semplici gli ingredienti usati per realizzarla.

Di sicuro non è un piatto da portare in tavola tutti i giorni per l’elevato costo di questo pregiatissimo crostaceo ma direi che in un’occasione importante è il top che voi possiate preparare.

Ingredienti per 2 persone
1 aragosta di media grandezza
olio evo q.b.
sale q.b.
pepe q.b.
succo di 1 limone
1 costa di sedano
2 carote
4-5 pomodorini rossi
1 cipolla rossa
Procedimento:
Lessate l’aragosta in abbondante acqua salata per circa 20 minuti.
Attendete che si raffreddi e nel frattempo occupatevi del taglio delle verdure; affettate la cipolla sottilmente, i pomodorini a metà ed il sedano e le carote alla julienne.
Aprite l’aragosta a metà per il lato lungo.
Prelevate il “corallo”, il liquido scuro contenuto nella testa, miscelatelo in una ciotolina con un filo d’olio, il succo di limone ed un pizzico di sale e pepe. Ponete l’aragosta sul letto di verdure crude e condite il tutto con l’emulsione preparata precedentemente. Lasciate che l’emulsione si leghi bene con o aragosta, i sapori si fonderanno nel riposo del piatto fino al momento di servire.