dietaDopo le vacanze estive la bilancia non ti sorride?

Capita a moltissime persone di entrare in conflitto con l’ago della bilancia proprio dopo una pausa dal lavoro, una vacanza o un periodo di relax. Sta di fatto che durante le ferie il rilassamento del corpo e della mente si persegue e si ottiene anche concedendosi qualche “eccezione alimentare”, ma, allo stesso modo, è ovvio ed innegabile che le eccezioni pesino quando si trasformano in grasso e chili da smaltire.

Ecco che, finite le ferie, quando si deve tornare negli abiti da lavoro, un piccolo campanello d’allareme incominci a suonare: è ora di dieta!

Qualcuno ha bisogno di soluzioni più drastiche, qualcun altro preferisce incominciare gradatamente.

Come si seleziona la dieta più adatta a ciascun soggetto?

Ecco 3 consigli pratici per scegliere la dieta che fa per te identificati dagli esperti di BenessereVillage.it

1- Valutazione razionale dei chili da perdere.

Considera il tuo peso e calcola i chili accumulati durante il periodo di ferie, rapporta il tutto al tuo peso forma. Se l’eccesso di peso (cioè la differenza tra il peso attuale, segnato dalla bilancia, e quello ideale) è sostenibile 510 kg la dieta può essere leggera, misurata ed estremamente graduale. Quando il sovrappeso è maggiore di 10kg potrebbe rendersi necessario un intervento più finalizzato, drastico e mirato.

2- Valutazione onesta della propria predisposizione alla dieta.

Prima di scegliere un piano nutrizionale è indispensabile un esame di coscienza: domandati <<Che cosa voglio ottenere>>. C’è chi ha bisogno di risultati immediati e quindi propende, almeno all’inizio per diete drastiche, e, al contrario, c’è chi beneficia anche di diete che procedano a passi lenti.

3- Monitoraggio della propria fame.

Ancor prima di affrontare qualunque dieta, prova a monitorare la tua fame. Per migliorare il proprio rapporto con il cibo e facilitare l’approccio alla dieta è consigliabile tenere un diario alimentare.

Se annoti cosa e quando mangi potrai, rileggendo la storia della tua alimentazione, comprendere più cose, infatti un diario alimentare svela:Dopo le vacanze estive la bilancia non ti sorride?

–          Gli orari in cui hai più fame;

–          Gli errori alimentari (ovvero quelle concessioni e quei vizi evitabili che se eliminati possono aitare il dimagrimento);

–          Ed in molti casi mette in luce delle irregolarità facilmente correggibili (i cosiddetti fuori pasto).

Una volta valutati gli obiettivi (punto1), individuato i tempi entro cui tali obiettivi potrebbero essere raggiunti (punto2) e monitorate le proprie consuetudini alimentari, sarai pronta a scegliere la dieta ideale per te!